Pappardelle con vongole, cime di rapa e briciole di taralli

tempo-preparazione-new
Difficoltà

Media

dosi-new
Dosi per

4 persone

tempo-preparazione new
Preparazione

50 minuti

Ingredienti

  • Pappardelle 500 g
  • Cime di rapa pulite 300 g
  • Vongole Meno 30 1 kg
  • Acciughe sott’olio 3 filetti
  • Vino bianco 60 g
  • Taralli 100 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Peperoncino rosso fresco 1
  • Peperoncino rosso 1
  • Olio EVO q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

In una padella fai scaldare l’olio EVO assieme all’aglio e al peperoncino tritati; quando saranno rosolati aggiungi le vongole e sfuma con il vino bianco, chiudi con un coperchio e lasciale aprire per 5 minuti.

Una volta pronte, elimina il mollusco dal guscio, filtra l’acqua che avranno rilasciato e tienile da parte. Metti in una ciotola i molluschi coperti con un coperchio o con la pellicola per non farli seccare.

Trita grossolanamente i taralli e falli tostare in padella con l’olio EVO fino a renderli croccanti e dorati, poi tienili da parte.

Fai sbianchire le cime di rapa in acqua bollente salata per un paio di minuti, scolale e tuffale nell’ acqua fredda con il ghiaccio per mantenere il colore verde brillante.
Scolale, asciugale e tritane una metà grossolanamente.

In una padella scalda l’olio EVO e aggiungi le acciughe, falle sciogliere poi unisci le cime di rapa e falle saltare per un paio di minuti.

Cuoci le pappardelle per metà del tempo di cottura in acqua bollente e salata, scolale e mettile in una padella assieme all’acqua delle vongole e portale a cottura mescolando.

Quando saranno pronte aggiungi le cime di rapa e i molluschi, aggiusta eventualmente di sale e manteca bene formando una crema, aiutandoti se necessario, con un goccio di acqua di cottura.

Preparati ad impiattare: disponi nei piatti le tue pappardelle, cospargi la superficie con le briciole di taralli croccanti e servile ben calde!

In tavola

Pappardelle-con-vongole,-cime-di-rapa-e-briciole-di-taralli-dettaglio

In questa ricetta

In cucina

Sonia-immagine-ricette

Amo il pesce. Anche quando lo preparo a casa mi sembra di sentire il rumore delle onde che si frangono contro le onde. Posso farci poco, sono un’inguaribile romantica e adoro il mare. E quando posso lo inserisco nei miei piatti. In questo risotto ho voluto riporre tutti i miei ricordi delle passeggiate in Sicilia: il rosso dei pomodori maturi, il sapore sapido e croccante dei capperi fritti (una delizia che finora non avevo mai assaggiato ma credetemi, vi lascerà senza parole) e il gusto delicato dei filetti di orata.

Solo che non è sempre facile per me riuscire a passare dal pescivendolo per acquistare il pesce fresco: per questo ho sempre in freezer una bella scorta di pesce congelato, perfetto per arricchire i miei piatti e trasforarmarli in piccoli viaggi nel gusto! Proprio come fossero appena pescati questi filetti di orata profumano di sale, ma richiedono zero sforzo e zero fatica!

Vieni in cucina a provare questo risotto con me: ti prometto che non potrai più farne a meno

Sonia Peronaci

Le nostre Ricette consigliate